Sabato, Settembre 20, 2014
   
Testo
Login

Team

Assomotor5113

TEAM ASSOMOTOR

 

1991

Si accende una nuova stella nel firmamento dell'enduro e dei rally. È il team Assomotor, una squadra formata da tre piloti, che ottiene subito il 3° posto nel Campionato Italiano Motorally ed il 5° posto assoluto nel Transitalia Marathon, evoluzione del Rally del Titano, con il pilota e patron Alfredo Bevilacqua.

 

1992

Continua il momento magico, come nel 1991

 

1994

Proseguono gli impegni nel mondo dell'enduro e dei rally.

 

1995

Arriva il primo Titolo Italiano, con il pilota Franco Mei, e il team guadagna in popolarità e credibilità tra gli operatori del settore, tra questi Malaguti e KTM Farioli. Con queste ultime due case si sviluppa una partnership prestigiosa che impegna il team Assomotor nei Campionati Italiano Motorally e Scootercross.

 

1996

Arriva anche il supporto del Comune di Bologna. In questo anno il pilota Massimo Chiesa, su KTM 660 Rally, partecipa alla Granada-Dakar e all'Atlas Rally in Marocco. Sempre con Chiesa, il Team Assomotor conquista anche il Titolo Italiano Raid Marathon ed il prestigioso primo posto al Rally di Sardegna. Nel Campionato Scootercross il Malaguti Crosser CR1 Ufficiale curato dal Team Assomotor e guidato da Lorenzo Alvisi conquista il Titolo nella categoria S1 50 codice. Al Motorshow di Bologna Assomotor e Malaguti organizzano la “Grande sfida Malaguti-Q8”, che coinvolge quasi 1000 partecipanti.

 

1997

Mauro Uslenghi, su KTM 125, si aggiudica il Titolo Italiano Motorally. Massimo Chiesa conquista tre vittorie al Rally Optic 2000 di Tunisia ed il quarto posto assoluto all'Atlas Rally in Marocco.

 

1998

Nel Team Assomotor entra uno dei piloti più promettenti del panorama rally, Matteo Graziani, che si affianca a Mauro Uslenghi. Il Team Assomotor conquista ben cinque Titoli Italiani nelle categorie 300, 125 ed assoluta. Gli altri successi sono la vittoria assoluta al Rally di Sardegna e quella di classe nel Rally Optic di Tunisia, ottenute da Graziani.

 

1999

Il Team Assomotor cresce ancora. Dal punto di vista istituzionale con la fondazione da parte del suo manager Alfredo Bevilacqua della Only Motor, società a cui la Federazione Motociclistica Italiana affida la gestione e la promozione del Campionato Italiano Motorally. Dal punto di vista sportivo, con la partecipazioni di Mauro Uslenghi e Matteo Graziani alla Granada-Dakar. Ma arriva anche il primo vero boccone amaro: al Rally Optic 2000 di Tunisia, a cui partecipano Uslenghi, Graziani e Flavio Agradi, quest'ultimo pilota perde la vita in un incidente. Il team si ritira dalla competizione, pur avendo Graziani al quinto posto assoluto e Uslenghi al dodicesimo, ma al primo posto della classe 400.

 

2000

Il Team Assomotor si lega a Fabrizio Meoni e si eleva così ai massimi livelli agonistici: è una stagione trionfale, con Meoni che conquista la Coppa del Mondo Rally TT.

 

2001

Meoni rimane, andando a vincere la Dakar, e l'attività continua anche in ambito nazionale, con i numerosi successi di Chiesa, Uslenghi e del giovane sammarinese Alex Zanotti, sulle nuove moto fornite da HM, il distributore ufficiale delle moto Honda off-road.

 

2002

Si cambia casa. Il Team Assomotor si trasferisce a Carpi, in provincia di Modena, con l'ulteriore incarico di rappresentare HM Honda nelle competizioni rallystiche, nazionali e non, ed organizza una squadra vincente composta da Massimo Chiesa, Mauro Benedetti, Alex Zanotti, Denis Pregnolato e Alberto Gerli.

 

2003

Con Pes e Zanotti parte la prima esperienza nel Supermotard del Team HM Giletti Assomotor, schierato al via del Campionato Italiano.

 

2004

Si intensifica l'impegno nel Supermotard con due squadre. Una è composta da Pes e Zanzi e partecipa al Campionato Italiano, mentre l'altra, composta dal solo Max Verderosa, prende parte al Campionato Mondiale. Verderosa sfiora il Titolo ed è vice campione del mondo.

 

2005

Finisce la collaborazione con la FMI per l'organizzazione del Campionato Motorally, che nel periodo di gestione Only Motor ha visto un aumento delle iscrizioni del 20-25%. Si intensifica l'attività con HM: mantenuta la squadra impegnata nei rally, la squadra Supermoto, composta da Fabio Balducci e Attilio Pignotti, partecipa ai Campionati Italiano e Mondiale.

 

2006

Due squadre di altissimo livello. Nei Rally sono impegnati ben tre piloti: Alex Zanotti su HM Honda CRF 450 X,  Mauro Uslenghi su HM Honda 490 X e Franco Dal Bello su HM Honda CRF 250 E. In Supermoto il Team HM Giletti Assomotor si affida al bolognese Massimo Beltrami e allo spagnolo Nestor Jorge, entrambi iscritti alla classe S2 del Campionato Mondiale e del Campionato Italiano con la HM Honda CRF 450 che si aggiudica l'Italiano con Beltrami.

 

2007

La stagione 2007 appena conclusa ha visto scherate due squadre di altissimo livello. La prima nel campionato italiano motorally con tre piloti, Mauro Uslenghi su HM Honda CRE 450 X, Franco Dal Bello su HM Honda CRE 250 X e Roberto Zanetti su HM Honda CR 250. La seconda, schierata sia nel Campionato Italiano sia nel Mondiale Supermoto, con i piloti Massimo Beltrami, pluricampione Italiano, ed il giovanissimo Teo Monticelli, tutti e due su HM Honda CRF 450 nella categoria S1 (450cc).

 

2008

Abbiamo disputato il campionato italiano con tre piloti; Jerome Giraudo e Teo Monticelli per la classe S1,e Emanuele Frosi per la classe S2. Nel Mondiale Supermoto con Jerome Giraudo e Teo Monticelli. Nel Mondiale Motorally con tre piloti; Mauro Uslenghi classe 250 4 tempi campione italiano motorally e raid TT 2008,Roberto Zanetti classe 450 4 tempi,e Roberto Banaciutti classe 600 4 tempi.

 

2009

Disputeremo il campionato italiano e mondiale supermoto con Ivan Lazzarini. Nel motorally con due piloti, Zanetti Roberto e Uslenghi Mauro


Ivan Lazzarini | Copyright 2009-10 | Powered by SuperDesign.IT

Login Form